Nooooo, ma va tutto bene... perché nessuno gli crede?

  • news-and-politics • italian
  • 334 words

Draghi, direttore Bankitalia L'Unità online di oggi scrive:

16.03.2006

Ristagno, precariato e debiti: l'Italia secondo Bankitalia

di red

Flebili segnali di ripresa che non bastano a segnare una svolta rispetto ai troppi problemi del Paese: il calo dell’occupazione, l’aumento del debito pubblico, il ristagno della produzione industriale. È opaca l’immagine del sistema Italia offerta dal bollettino economico della Banca d'Italia, primo dell’era Draghi. Tutto sembra tornato indietro a dieci anni fa, e va peggio di allora. Per tornare a crescere, si legge, servono «occorrono azioni di lunga lena volte a modificare incisivamente la struttura produttiva e l' ambiente regolamentare e di mercato in cui essa opera».

Così com’è l’economia italiana non mostra «ancora un superamento del divario di crescita di cui l'economia italiana soffre, non solo rispetto alle aree più dinamiche del mondo, ma anche rispetto agli stessi grandi paesi dell'area dell'euro, pure attardati nel confronto internazionale».

«Secondo le previsioni della commissione europea e di consensus – afferma Bankitalia - l'economia italiana dovrebbe crescere nella media del 2006 a un tasso di poco superiore all'1%». Ma, intanto, nei primi mesi del 2006 si assiste a «un sostanziale ristagno della produzione industriale». Non solo. Nel 2005 l' occupazione in Italia, pure essendo cresciuta dello 0,2% nel numero di persone occupate, se calcolata sulla base dei posti di lavoro a tempo pieno è diminuita per la prima volta dal 1995: meno 0,4%. Colpa di una vera e propria esplosione di lavori part time. Fra i giovani compresi tra i 15 e i 29 anni, un lavoratore su quattro è precario, percentuale che sale addirittura al 49,8% per i neoassunti.

Ma il dato più inquietante riguarda il debito. Quello pubblico che torna a crescere dopo 10 anni di riduzione e cresce anche più del previsto: più 2,6%, 103,8% registrato nel 2004 al dal 106,4%. Quello delle famiglie che negli ultimi dieci anni è quasi raddoppiato «raggiungendo il 30% del Pil nel settembre 2005 (erano il 18% nel 1996)».

E ci si domanda perché nessuno gli crede? berlusconiiiii... MA VAFF*****O VA!

comments powered by Disqus